Aforisma del momento

- Curate. Se non potete curare, lenite. Se non potete lenire, confortate. -
[Augusto Murri - 1841-1932]

Aterosclerosi: cenni e nuovi trattamenti

Aterosclerosi: cenni e nuovi trattamenti
Parlando di aterosclerosi è necessario premettere che si tratta di una condizione di carattere cronico: per la precisione è una malattia infiammatoria che intacca le arterie primarie, arrivando a causare problemi di tipo cardiovascolare. Molto spesso alimentata da fattori di tipo ambientale (inquinamento atmosferico ed inalazioni tossiche

Leggi tutto...

Sintomi e origine della sindrome da occhio pigro

Sintomi e origine della sindrome da occhio pigro
Fra le condizioni che prendono di mira l'apparato visivo dell'individuo alterando la percezione dell'ambiente circostante vi è l'ambliopia, nota anche come sindrome da occhio pigro. Proprio come accade per fenomeni quali miopia ed astigmatismo, anche questa patologia consiste in un deficit dell'accuratezza visiva considerato valido a

Leggi tutto...

Patologie e riposo: approfondimento

Patologie e riposo: approfondimento
I fenomeni volti a compromettere un corretto periodo di riposo notturno vengono comunemente associati col nome di disturbi del sonno: nonostante l'esistenza di tale macro-gruppo sia effettiva e nota alla comunità medica, in esso rientrano innumerevoli patologie talvolta slegate sia nella causa che tramite la manifestazione dei propri effetti

Leggi tutto...

Cellule B: origine e funzione

Cellule B: origine e funzione
Per cellule B si intendono quei particolari linfociti volti alla produzione di anticorpi. Risultano quindi di enorme importanza nel momento in cui l'organismo dovesse contrarre una qualsiasi complicazione derivata da un agente patogeno: nel momento in cui viene recepito il messaggio d'allarme, le cellule B provvedono al rilascio di anticorpi

Leggi tutto...

Attenzione! Le informazioni fornite non sostituiscono la diagnosi del medico: servono a rendere il paziente maggiormente consapevole di ciò che potrebbe essere, ma si consiglia sempre di chiedere consulto al medico, che tramite una visita è in grado di svolgere una diagnosi più accurata e prescrivere eventuali cure.